LIBRIAMOCI, giornate di lettura nelle scuole (dal 24 al 29 ottobre 2016)

LIBRIAMOCI, giornate di letture nelle scuole

Un’occasione per parlare di libri, storie e letture nella scuola ma soprattutto per leggere gratis ai bambini, cioè senza chiedere loro in cambio riassunti e riassuntini, pensieri e pensierini…, ma solo ed esclusivamente divertimento e piacere. Perché purtroppo spesso, se non sempre, ciò che passa per la scuola diventa noioso, pesante, obbligatorio. Invece non può e non deve essere così!

ECCO ALLORA LA NOSTRA PROPOSTA PER “LIBRIAMOCI 2016”

MESCOLANDO SOGNI… CON ROALD DAHL

 

roald-dahl

Partecipiamo alla terza edizione di “Libriamoci, giornate di lettura nelle scuole”, che si svolgerà dal 24 al 29 ottobre 2016.
Prendendo spunto dai temi suggeriti dal Centro per il Libro e la Lettura, proponiamo letture e attività in onore di Roald Dahl, di cui quest’anno ricorre il centenario dalla nascita. Avviamo proposte di lettura a puntate da svolgere in più incontri per i cinquenni della scuola dell’infanzia e le classi della primaria, di romanzi e/o racconti di Dahl, scelti insieme agli insegnanti, o un unico incontro di lettura ad alta voce.

roald-dahl-stamps
Entrambe le proposte possono essere seguite da un’attività didattico-laboratoriale a scelta fra:

– laboratorio di cucina fantastica, per mescolare e impastare sogni (ispirato al GGG, per i cinquenni della scuola dell’infanzia e le primarie), consistente nell’invenzione di ricette di sogni. Gli ingredienti da mescolare e/o impastare saranno: impasti di didò alimentare di vari colori e ingredienti liquidi naturali di vario genere (caffè, tè, succo di limone, acqua, latte, coloranti naturali ecc.). Ogni ingrediente dovrà corrispondere a un elemento del sogno da inventare, perciò se si vuole creare un sogno di prati e farfalle bisognerà inserire un po’ di questo e un po’ di quello (es. prato=didò bianco + farfalle=didò di vari colori).
I sogni così prepararti, solidi o liquidi che siano, verranno poi conservati in barattoli di vetro ed etichettati specificando il tipo di sogno, gli ingredienti utilizzati per la ricetta e a chi è destinato, oltre che i nomi di chi lo ha inventato.

– gioco-quiz su Roald Dahl e la sua opera (per le primarie)
Al gioco possono partecipare solo classi che hanno svolto un percorso di lettura su Roald Dahl, perché i quiz, di vario livello a seconda delle età dei partecipanti, propongono quesiti sulla vita e l’opera dello scrittore.
Il gioco si svolge per gruppo-classe e i bambini verranno divisi in squadre da 4-5 elementi. Ogni squadra avrà un caposquadra che si occuperà di scrivere e leggere le risposte suggerite dai membri del gruppo. Vince chi ottiene il punteggio maggiore.

libriamoci-2016

Mescolando sogni (con Roald Dahl)

Il 13 settembre 2016 Roald Dahl  avrebbe compiuto un secolo di vita. I festeggiamenti per i 100 anni dalla sua nascita prevedono letture tratte dai suoi libri, mostre, eventi, uscite cinematografiche (il GGG di Spielberg), appuntamenti di vario genere in tutto il mondo. In occasione del centenario, l’editore storico per l’Italia Salani ha presentato la collana Gl’Istrici Dahl, l’edizione dell’opera completa dell’autore in formato cartonato, con una nuova grafica (immagine coordinata mondiale), nuove illustrazioni a colori firmate dal mitico Quentin Blake e il logo dell’aeroplano di carta che richiama il passato di pilota di Dahl e simboleggia libertà e avventura.

Dahl è uno scrittore che sa essere ironico e profondo, divertente e serio. Nei suoi libri c’è spazio per il coraggio, ma anche per la paura, il suo immaginario non è mai idilliaco e semplice, bensì difficile e tormentato, contrastante come è la vita.
Roald Dahl mescola sogni per trovare una via d’uscita possibile per tutti in tutte le situazioni, e così facendo racconta la realtà, estrinseca quelle paure (vere) da affrontare e sconfiggere, senza possibilità di sfumature. Perché vivere richiede impegno, soprattutto se ci sono di mezzo guerre, povertà, cattiveria, malattia e le tante brutture cui ha dato nomi come Inghiotticicciaviva, Cnidi Vermicolosi, Spezzindue… Là dove gli adulti possono essere cattivissimi e c’è la possibilità che nel nostro mondo si aggirino mostri (o terribili giganti mangia-bambini), proprio come in effetti è. Perché Dahl non fa sconti a nessuno e dipinge la realtà con toni di colore accesi, così come la vedono i bambini. Proprio per questa sua “aderenza” alla realtà, o meglio alla percezione che della realtà hanno i bambini, la narrativa di Dahl è stata guardata inizialmente con sospetto (così come è avvenuto per la Lindgren e tutti gli autori che hanno dato vita a modelli ritenuti diseducativi: Pippi, Pinocchio, Gian Burrasca…). Ma il successo di Dahl non poteva tardare ad arrivare, nonostante le punizioni inferte alla terribile Spezzindue e la magica medicina preparata per una nonna insopportabile, ma anzi proprio per quelle. Perché il successo di Dahl equivale al successo di bambini in cerca di autonomia e libertà; è il successo dei sogni e della magia, ma anche e soprattutto, del coraggio e dell’intelligenza.

Per saperne di più, un bell’articolo del Post
e varie news dal sito ufficiale www.roalddahl.com

Inoltre segnaliamo, all’Exmà di Cagliari fino al 28 ottobre, la mostra interattiva LOVE FROM BOY, organizzata dalla libreria Tuttestorie in collaborazione col Consorzio Camù, che prevede incontri e laboratori per bambini e ragazzi.